Facoltà di Medicina in Lingua Inglese: ecco quali sono

Volete intraprendere una carriera medica di respiro internazionale? Allora le facoltà di Medicina in lingua inglese fanno per voi

Facoltà di medicina in lingua inglese

La laurea in Medicina consente di acquisire risorse trasversali, appartenenti tanto alla sfera tecnica quanto alla sfera empatica. In particolare, vediamo che chi frequenta le facoltà di Medicina in lingua inglese avrà modo di applicare queste competenze all’interno di realtà appartenenti allo scenario internazionale.

Medicina in lingua inglese: facoltà statali

In Italia troviamo diverse facoltà di Medicina in lingua inglese, di cui 12 sono presenti nelle seguenti università statali:

  • Bari
  • Bologna
  • Messina
  • Milano
  • Milano Bicocca
  • Federico II (Napoli)
  • Luigi Vanvitelli (Napoli)
  • Padova
  • Pavia
  • Sapienza (Roma)
  • Tor Vergata (Roma)
  • Torino

Inoltre, è possibile studiare Odontoiatria in inglese iscrivendosi al corso di laurea in Dentistry & Dental Prosthodontics dell’Università di Siena.

Per accedere a quest’ateneo e agli altri elencati sopra, bisognerà necessariamente superare il test Medicina in Inglese, solitamente abbreviato in IMAT. In Italia si svolge sotto l’egida dell’ente Cambridge Assessment Admission Testing e del Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR), il quale ne delinea, in particolare, argomenti e domande.

Test Medicina in inglese (IMAT): come funziona?

Il test IMAT si svolge in contemporanea in tutte le sedi interessate e prevede una struttura che rispecchia quella del test Medicina-Odontoiatria delle università statali, gestito anch’esso dal MUR. Di fatto, entrambe le prove prevedono 60 domande a risposta multipla, così suddivise:

  • Biologia: 18 quesiti
  • Chimica: 12 quesiti
  • Fisica e matematica: 8 quesiti
  • Cultura generale: 12 quesiti
  • Ragionamento logico: 10 quesiti

In totale i candidati hanno 100 minuti per rispondere alle domande. Alle risposte giuste vengono assegnati 1,5 punti, alle risposte sbagliate -0,4 punti, alle risposte non date 0 punti. Il punteggio massimo che si può raggiungere corrisponde a 90 punti.

In più, sia il test in italiano che quello in inglese prevedono la graduatoria unica nazionale. Come funziona? Al momento dell’iscrizione alla prova, che avviene online sul portale Universitaly, ogni candidato indica in ordine di preferenza le sedi che aspira a frequentare. Più è alto il punteggio realizzato nella prova, più probabilità avrà di occupare una posizione alta nella graduatoria ed entrare nella facoltà di Medicina in lingua inglese che gli interessa.

Facoltà di medicina in lingua inglese 2

Medicina in lingua inglese: facoltà private

In quali università private è possibile studiare medicina in lingua inglese? Ecco l’elenco:

  • San Raffaele – Milano
  • Humanitas– Milano
  • Unicamillus – Roma
  • Cattolica – Roma
  • Campus Bio-Medico – Roma

Rispetto alle pubbliche, le università private con medicina in lingua inglese presentano delle caratteristiche a parte: infatti gestiscono autonomamente i propri test d’ingresso, pur tenendo sempre a mente le linee guida decise dal MUR. Nello specifico le università private stabiliscono:

  • la modalità d’iscrizione al test
  • quando e come si terrà
  • la struttura e le domande presenti

Specifichiamo che l’Università UniCamillus offre anche un corso di laurea in Odontoiatria, in cui la lingua inglese è utilizzata nelle lezioni del primo biennio e nel test di accesso. A partire dal terzo anno in poi gli insegnamenti e il tirocinio si terranno in italiano.

Corso di laurea di Medicina in inglese: caratteristiche e vantaggi

Il corso di laurea di Medicina in lingua inglese appartiene alla classe LM-41 e si articola in sei anni. Durante questo periodo si devono acquisire 360 crediti formativi, che si ottengono tramite il superamento di esami di base e caratterizzanti, nonché tramite attività formative di carattere pratico. In questo modo, nei primi anni lo studente conseguirà una conoscenza generale sul funzionamento del corpo umano che si andrà via via affinando, così che possa affrontare con competenza i tirocini.

Senza contare che, grazie alla lingua inglese che pervade ogni aspetto disciplinare, il corsista accederà a un insieme più vasto di articoli e trattati scientifici. E avrà modo di perseguire più agevolmente una carriera all’estero, un sogno che ormai molti aspiranti medici vogliono raggiungere: come sottolinea quest’articolo del Corriere della Sera, negli ultimi anni c’è stato un boom di richieste per la laurea di Medicina in inglese. Attraverso essa e la conseguente abilitazione, infatti, i neolaureati avranno modo di operare all’interno di organizzazioni sanitarie e umanitarie nazionali e internazionali.

Se questo percorso formativo vi attira e vi chiedete come fare a prepararvi per il test Medicina in inglese, potete rivolgervi ai corsi Nissolino UniTest: grazie ai contenuti sulla nostra piattaforma e-learning e ai nostri tutor specializzati acquisirete una preparazione a 360 gradi da riversare nella prova d’ammissione. Per saperne di più e ricevere una consulenza gratuita, compilate il form di contatto che trovate in questa pagina.

Share:

CONTATTACI


    Scegli il centro più vicino*

    Quale test vuoi preparare?*

    Quanti anni hai?*

    Hai il diploma?*

    *Autorizzo al trattamento dei dati personali, come esplicitato Informativa sulla Privacy (ai sensi dell’art. 13 GDPR 2016/679)

    Accetto di ricevere la newsletter con tutte le novità sui test. Potrai disiscriverti in qualsiasi momento grazie al link presente in ogni mail.